Search  
 Obblighi di servizio Minimize

Gli obblighi di lavoro del personale docente sono regolamentati dall'articolo 40 del CCNL del 4.8.1995, sono funzionali all'orario di servizio stabilito dal piano di attività e sono finalizzati allo svolgimento delle attività di insegna­mento e di tutte le ulteriori attività di programmazione, pro­gettazione, ricerca, valutazione e documentazione neces-sarie all'efficace svolgimento dei processi formativi.

Per il conseguimento delle predette finalità gli obblighi di lavoro del personale docente sono articolati in attività di insegnamento ed in attività funzionali alla prestazione del­l'insegnamento. Il CCNL prevede inoltre che possano essere svolte attività aggiuntive.

L'attività di insegnamento

II personale della scuola materna svolge un'attività di in­segnamento di 25 ore settimanali.

Per il personale della scuola elementare l'attività è fissata in 22 ore, alle quali devono essere aggiunte 2 ore da dedi­care, anche in modo flessibile e su base plurisettimanale, alla programmazione didattica che deve essere svolta in incontri collegiali dei docenti di ciascun modulo, in tempi non coincidenti con l'orario delle lezioni.

Nell'ambito delle 22 ore di insegnamento, la quota ora­ria eventualmente eccedente l'attività frontale e di assi­stenza alla mensa (le cosiddette compresenze) viene de­stinata, previa programmazione, ad attività di arricchi­mento della qualità dell'offerta formativa e di recupero individualizzato o per gruppi ristretti di alunni con ritardo nei processi di apprendimento, anche con riferimento ad alunni stranieri.

Se il collegio dei docenti non provvede ad effettuare la programmazione o non impegna totalmente la quota oraria eccedente, le ore in questione vengono destinate all'effet­tuazione di supplenze in sostituzione di docenti assenti fino

ad un massimo di 5 giorni, nell'ambito del proprio modulo o nel plesso di titolarità.

L'attività di insegnamento nelle scuole e negli istituti di istruzione secondaria ed artistica si svolge in 18 ore setti­manali: i docenti il cui orario di cattedra sia inferiore alle 18 ore, sono tenuti al completamento dell'orario di insegna­mento da realizzarsi mediante la copertura di ore disponibi­li in classi collaterali, non utilizzate per la costituzione di cattedre orario, in interventi didattici ed educativi integrati­vi, con particolare riguardo per la scuola dell'obbligo, alle finalità di arricchimento della qualità dell'offerta formativa e di recupero individualizzato o per gruppi ristretti di alunni con ritardo nei processi dì apprendimento, anche con riferi­mento ad alunni stranieri, nonché mediante l'utilizzazione in eventuali supplenze e, in mancanza, rimanendo a dispo­sizione anche per attività para e interscolastiche.

Per i docenti impegnati nelle classi in cui si realizzano attività di sperimentazione autorizzata nei corsi sperimen­tali di scuola media per lavoratori (150 ore) o nelle classi a tempo prolungato, resta ferma l'articolazione dell'orario ob­bligatorio secondo le modalità stabilite dai rispettivi decreti autorizzativi o costituzione degli obblighi di insegnamento.

L'articolo 24 del CCNL stipulato il 26.5.99 ha previsto che dal 1° settembre 2000 gli obblighi di lavoro del personale docente siano correlati e funzionali alle esigenze di attua­zione dell'autonomia delle istituzioni scolastiche. Pertanto, nel rispetto della libertà di insegnamento, i competenti or­gani delle predette istituzioni regolano lo svolgimento delle attività didattiche nel modo più adeguato al tipo di studi e ai ritmi di apprendimento degli alunni, adottando eventuali forme di flessibilità, come previsto dal Regolamento di at­tuazione dell'autonomia (d.P.R. 8 marzo 1999, n. 275).

Le attività funzionali all'insegnamento

Secondo il già richiamato art. 24 del CCNL del 26 maggio 1999, l'attività funzionale consiste in ogni impegno ineren­te alia funzione docente previsto dai diversi ordinamenti scolastici. Essa comprende tutte le attività, anche a carattere collegiale, di programmazione, progettazione, ricerca, va-lutazione, documentazione, aggiornamento e formazione, compresa la preparazione dei lavori degli organi collegiali, la partecipazione alle riunioni e l'attuazione delle delibere adottate dai predetti organi:

Adempimenti individuali

-   preparazione delle lezioni e delle esercitazioni;

-   correzione degli elaborati;

-   rapporti individuali con le famiglie.

Attività collegiali

-   40 ore annue per la partecipazione alle riunioni del colle­gio dei docenti, comprese quelle relative alla programma­zione e verifica di inizio e fine anno e all'informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini e sull'andamento delle attività educative nella scuola materna e nelle istituzioni
educative;

-   partecipazione alle attività dei consigli di classe, interclasse,intersezione. Nella programmazione occorrerà tener conto degli oneri di servizio degli insegnanti con un numero di classi superiore a 6, in modo da prevedere di massima un impegno non eccedente le 40 ore annue;

-   svolgimento degli scrutini e degli esami, compresa la com­pilazione degli atti relativi alla valutazione.

 

Per assicurare l'accoglienza e la vigilanza degli alunni, gli insegnanti sono tenuti a trovarsi in classe 5 minuti prima dell'inizio delle lezioni e ad assistere all'uscita degli alunni medesimi.

Le attività aggiuntive

L'articolo 25 del CCNL del 26 maggio 1999 ha ridefinito in parte questa materia, precisando che le attività aggiuntive consistono in attività aggiuntive di insegnamento e in atti­vità aggiuntive funzionali all'insegnamento, entrambe deli­berate dal collegio dei docenti, nell'ambito delle risorse fi­nanziarie disponibili, in coerenza con il piano dell'offerta formativa.

Il compenso orario e le modalità di attribuzione delle atti­vità aggiuntive, ivi comprese quelle di pratica sportiva, sono determinate in sede di contrattazione integrativa naziona­le; il compenso è incrementato in misura non inferiore al 10%. Ove non sia possibile una quantificazione oraria del­l'impegno, si possono prevedere compensi in misura forfettizzata.

Il compenso per le attività aggiuntive di insegnamento è erogato per le ore effettivamente prestate fino ad un massi­mo di 6 ore settimanali.

Le attività aggiuntive funzionali all'insegnamento con­sistono (art. 30, comma 3, lettera e) del CCNI del 31 ago­sto 1999) nello svolgimento di compiti relativi alla pro­gettazione e alla produzione di materiali utili per la di­dattica, con particolare riferimento a prodotti informatici, e in quelle previste dall'articolo 42, comma 3, lettera a), del CCNL 4 agosto 1995, eccedenti le 40 ore annue.

Le cosiddette 110 ore

La legge 662 del 23.12.1996, "Misure di razionalizzazione della finanza pubblica", che accompagnava la legge 663 di pari data (la legge finanziaria '97) introdusse per il settore scuola (precisamente nei commi 70, 71 e 72 dell'articolo 1) le seguenti disposizioni.

Nel comma 70 si prevedeva la definizione di criteri e para­metri generali per la riorganizzazione graduale della rete sco­lastica, con effetto dall'anno scolastico 97-98. Nei limiti del­l'organico provinciale complessivo determinato secondo quanto disposto dal successivo comma 71, i provveditori agli studi, sentiti gli enti locali interessati e i consigli scolastici provincia­li, adottavano, con propri decreti aventi carattere definitivo, i piani organici di aggregazione, fusione, soppressione di scuo­le e istituti di istruzione di ogni ordine e grado. Su questa materia è, poi, intervenuta la legge 127/97 con la conseguen­te delega alle Regioni prevista dall'art. 138 del successivo e attuativo Decreto Legislativo 112/98.

Nel comma 71, in conformità di quanto indicato al comma 70, si disponeva che gli organici del personale della scuola venissero rideterminati con periodicità pluriennale. Nel li-

 

del suddetto CCDN, fu concordato un contratto decentrato relativo alla "utilizzazione degli insegnanti elementari nella sostituzione di personale assente per periodi non superiori a cinque giorni, prevista dall'alt. 1, comma 72, della L. 662/96".

I! testo, che integrava l'art. 9, era il seguente: "9.3 - Qualora si verifichino assenze di docenti per non più di cinque giorni, ia quota dell'orario annuale di insegnamento eccedente l'attività frontale e di assistenza alla mensa, di competenza di ciascun docente, è destinata alla sostituzio­ne di colleglli assenti nell'ambito del medesimo plesso sco­lastico; è, comunque, assicurato lo svolgimento, nella mi­sura massima di 110 ore annue per ciascuna classe, delle attività programmate e deliberate dai collegio dei docenti per recuperi individualizzati o per gruppi ristretti di alunni, finalizzate al superamento delle difficoltà di apprendimento ed allo sviluppo delle potenzialità degli stessi alunni.

9.4     -1 dirigenti scolastici dispongono l'utilizzo, del persona­le, anche promuovendo, nell'ambito della pianificazione an­nuale delle attività, l'articolazione flessibile dell'orario di in­segnamento, prevista dalt'art. 41, comma 5, dei CCNL, al fine di programmare la collocazione oraria delle ore disponi­bili in modo da realizzare nella misura massima possibile la sostituzione di colleghi assenti nei casi sopra indicati. A que­sto fine sono attuate le modalità di informazione ed esame previste dall'art 9 del CCNL.

9.5     - L'obbligo di sostituzione dei colleghi assenti è assoltonel rispetto dell'orario di insegnamento settimanale, o plurisettimanaie, stabilito per ciascun insegnante, nell'ambito del piano annuale di attività deliberato dal collegio dei docenti, eventuali adattamenti e modificazioni dell'orario suddetto sono, peraltro, possibili con il preventivo accordo dei docenti interessati.

9.6     - Limitatamente all'anno scolastico 1997/98 restano efficaci i contratti decentrati a livello provinciale even­tualmente già stipulati alla data del presente accordo,"

II 23 giugno 1998 venne sottoscritto il Contratto Colletti­vo Decentrato Nazionale concernente le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie del personale scolastico per l'anno

scolastico 1998/99. Questo CCDN sostituiva integralmente quello relativo all'anno scolastico precedente. Nella stesura del CCDN del 23.6.98 il contenuto dell'ari. 9 (sia il testo originario sia il testo integrato) non è stato riproposto.

Nemmeno il Contratto Integrativo concernente le utiliz­zazioni e le assegnazioni provvisorie del personale do­cente ed educativo per l'anno scolastico 1999/2000 sot­toscritto il 21.6.99 ha apportato modifiche e/o integrazioni in materia.

In conclusione si può affermare che il CCDN del 5.11.97, in quanto parte integrante di quello dei 10.4.97, non è più applicabile in quanto disapplicato e sostituito dai successivi analoghi contratti.

Considerato, quindi, che il comma 72 dell'articolo 1 della legge 662/96 dispone che sono gli organi competenti a de­liberare su tutte le esigenze inerenti l'organizzazione del­l'attività didattica ivi compresa ... la sostituzione dei docen­ti assenti per periodi non superiori a cinque giorni ... ma sulla base dei principi generali presenti nell'articolo 128 del D.L.vo 297/94, relativo alla programmazione ed organizza­zione didattica, principi ribaditi anche nei due CCNL del 4 agosto 1995 e del 26.5.99 nella sezione riguardante gli ob­blighi di lavoro dell'area e della funzione docente, si deve ritenere che sia pienamente in vigore quanto previsto dal­l'artìcolo 41, comma 2, del Contratto nazionale di lavoro che così recita:

"...Nell'ambito delle 22 ore d'insegnamento, la quota oraria eventualmente eccedente l'attività frontale e di assistenza alla mensa viene destinata, previa programmazione, ad at­tività di arricchimento dell'offerta formativa e di recupero individualizzato o per gruppi ristretti di alunni con ritardo nei processi di apprendimento, anche con riferimento ad alunni stranieri, in particolare provenienti da paesi extracomunitari. Nel caso in cui il collegio dei docenti non abbia effettuato tale programmazione o non abbia impe­gnato totalmente la quota oraria eccedente l'attività fronta­le e di assistenza alla mensa, tali ore saranno destinate per supplenze in sostituzione di docenti assenti fino a un mas-

simo di 5 giorni nell'ambito dei proprio modulo o nel plesso di titolarità."

Pertanto sono possibili tutte le opzioni che il collegio dei docenti - tenendo conto delle effettive esigenze dell'istitu­zione scolastica - intenda adottare nell'ambito della pro­grammazione annuale.

Ore eccedenti

In materia resta valido quanto previsto nell'art. 70 del CCNL4 agosto 1995.

Il suddetto articolo dispone che le ore di insegnamento eccedenti il normale orario obbligatorio e non rientranti nelle attività aggiuntive previste dall'art. 25 del CCNL 26 maggio 1999 (con prestazione fino ad un massimo di sei ore setti­manali) sono retribuite in ragione di 1/78 dello stipendio tabellare in godimento.

Invece, per il pagamento delle ore di insegnamento ecce­denti l'orario d'obbligo prestate in sostituzione dei colleghi assenti o su cattedre con orario settimanale superiore a quel­lo obbligatorio o in classi collaterali disponibili per l'intero anno scolastico ovvero nei corsi integrativi per i diplomati di istituto magistrale o di liceo artistico, continuano ad ap­plicarsi le disposizioni contenute nell'art. 3, comma 10, del d.P.R. 399/88 che prevedono il compenso di 1/65 dello sti­pendio tabellare in godimento.

Per quanto riguarda la liquidazione del compenso per il pagamento delle ore di approfondimento prestate in ecce­denza all'orario obbligatorio di insegnamento da parte del personale docente in servizio negli istituti professionali (vedi la C.M. n. 275 dei 18 novembre 1999) l'art. 70 comma 2 del CCNL-Scuola del 4 agosto 1995 aveva previsto un compenso orario lordo dì £ 37.000 per i docenti diplomati e di £ 41.000 peri docenti laureati. Il CIN del 31 agosto 1999 ha ridisegnato la tabella degli importi dei compensi orari per prestazioni aggiuntive retribuibili a carico del fondo dell'istituzione sco­lastica, elevando e unificando a £50.000 lorde tabellari l'im­porto orario previsto per le prestazioni di insegnamento

aggiuntive: la differenza retributiva tra l'importo dell'ora eccedente rideterminato in base alle nuove misure stipendiali previste dal CCNL/1999 e quello di £ 50,000 dell'ora aggiuntiva di insegnamento rideterminata dalla tabella D) del CIN continua a gravare sul fondo dell'istituto professio­nale, fondo che viene tuttavia incrementato degli stanziamenti sopra specificati.

Relativamente alla scuola elementare il compenso per le ore eccedenti destinate allo sviluppo dell'insegnamento della lingua straniera è rapportato ad 1/95 dello stipendio tabellare in godimento (vedi nota prot. 2249/97 della Direlem-MPI).


 Print   

Segreteria:Sedi e Orari:Scuola:Modulistica:Contatti:Indirizzi Utili
Copyright (c) 2007-2010 Terms Of Use Privacy Statement